Canto della morte: preghiera di vendetta

di Anna Fraddosio Commenta

Il canto della morte è una preghiera per chi cerca vendetta e vuole recare tanto dolore alla persona che gli ha fatto del male.

Il canto della morte è una preghiera piena di rabbia, rancore, dolore e vendetta per chi vuole farsi giustizia da solo. Si dice che “la vendetta è un piatto che va servito freddo”, eppure per un incantesimo di magia nera è bene non aspettare che la rabbia sbollisca, ma è consigliabile agire il prima possibile.

canto della morte

Il canto della morte ci offre la vendetta che desideriamo. Tale preghiera ha lo scopo, infatti, di recare danno e molto dolore alla persona che ci ha fatto del male.
Ma prima di passare alla pratica è bene che vi ricordi il pericolo a cui potreste andare in contro se il dolore arrecato non è ampiamente giustificato. Ricordate che con la magia nera non si scherza e che potreste andare in contro a spiacevoli sorprese, quali, anche i colpi di ritorno. In altre parole la vendetta potrebbe ritorcervisi contro.

Il canto della Morte

Cosa ci occorre

  • 1 candela nera
  • Una foto del nemico
  • Ago

Luoghi: un posto chiuso dove poter stare in tranquillità senza essere disturbati.

Fase Lunare: Luna piena.

Ora: dalle ore 22.00 alle 3.00 am.

Esecuzione del canto della morte

  1. Preparate il luogo che avete scelto. Assicuratevi che nessuno verrà a disturbarvi. Spegnete le luci. Aprite le finestre e fate entrare la luce della Luna piena.
  2. Sedetevi ora sul pavimento e richiamate tutti gli spiriti spinti dall’energia di vendetta che sono all’ascolto in quel momento. Fatevi sentire. Date energia alle vostre parole, così loro saranno richiamati dalla vostra rabbia.
  3. Accendete la candela, precedentemente caricata per lo scopo.
  4. Pungetevi il dito con l’ago. Fate fuoriuscire più sangue che potete.
  5. Tracciate con il sangue una “X” sulla foto della persona nemica.
  6. Di seguito dite:

    “Che la morte ti sopraggiunga presto.
    Esalerai il tuo ultimo respiro in questa vita.
    Che l’angelo della morte possa fare giustizia
    e tu paghi per il male che hai arrecato.
    Non avrai più pace,
    finché la mia sete di vendetta non sarà esaurita.
    Spiriti, ascoltate tutti,
    portate con voi (nome del nemico).”

  7. Congedate gli spiriti richiamati, ringraziandoli e invitandoli ad uscire dalla finestra in cui sono entrati.
  8. Lasciate bruciare completamente la candela.
  9. Fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>