Incatesimo con le foglie d’alloro

di Anna Fraddosio Commenta

 L’incantesimo che stiamo per vedere, è un rito Incas, tramandato da generazione in generazione dal popolo dei Curanderos, di origini peruviane. Il rituale è molto semplice da fare ed ha ottimi risultati.

Occorrente

4 bicchieri di vetro
Un pentolino (o il vostro calderone)
Una candela bianca
Vino bianco
Vino rosso
Tre foglie d’alloro per ogni desiderio
Una penna (se è possibile del colore adatto allo scopo)

Procedimento

Il rito dovrà essere eseguito nel giorno, nel ciclo lunare e planetario adatto, quindi controllate e meditate bene prima di scegliere il giorno, non perché possa esserci un particolare pericolo, ma semplicemente le energie dei pianeti, della Luna e dei giorni posso entrare in contrasto con il vostro desiderio e non farlo avverare, o farlo avverare con un effetto poco soddisfacente. Il rituale potrà essere eseguito sia in casa che all’aperto, è bene però, essere sicuri di non essere disturbati da nessuno, o che nessuno influisca sull’incantesimo e sulla vostra energia.

Prendete i quattro bicchieri di vetro, e posizionateli in corrispondenza delle quattro direzioni, quindi dei quattro elementi, versate il vino rosso e il vino bianco in essi; il vino bianco andrà versato nei bicchieri posizionati ad Est ed a Ovest, il vino rosso invece a Sud e Nord.
Davanti a voi, accendete la candela bianca, e prendete le tre foglie d’alloro su cui scriverete dettagliamene ma il più conciso possibile il vostro desiderio. Come già detto sopra, ogni desiderio corrisponde a tre foglie d’alloro. Ora, sigillate, e quindi unite, il gambo delle foglie di alloro facendo colare un po’ di cera della candela. Portate le foglie sulla vostra fronte, pensando ai vostri desideri che si avverano, poi, portatele sulle labbra bisbigliando alle foglie il vostro desiderio, ed infine portate le foglie sul cuore, cercando di sentire l’emozione, che proverete quando l’incantesimo si sarà avverato.

Mettete le foglie nel calderone, e poi accendete e fatele bruciare. Osservate come bruciano, e rigiratele di tanto in tanto, devono bruciare tutte e bene, questo è il segno che i desideri si realizzeranno. Dopodiché prendete la cenere e spargetela al vento, mentre il vino versatelo nella Terra, come offerta alla Pachamama, ossia alla Madre Terra. Lasciate finire la candela e mettete i resti in un prato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>