Inni Orfici – seconda parte

di Morgana Commenta

Gli Inni Orfici son un libro di culto realizzato nel I o II secolo d.C.‚ in Asia Minore‚ da un gruppo di adepti di Dionisio.

Oggi, presenteremo tre Inni Orfici, quello alla Dea Era, quello a Zeus e quello alla Luna.

Inno orfico a ERA

Racchiusa nei grembi cerulei, aereiforme,
Era di tutto sovrana,
beata compagna di Zeus,
che offri ai mortali brezze gradevoli
che nutrono la vita,
madre delle piogge,
nutrice dei venti, origine di tutto.
Senza di te nulla conobbe affatto la natura della vita;
perché, mescolata all’aria santa, a tutto partecipi;
infatti tu sola tutto domini e su tutto regni,
agitata sull’onda con sibili d’aria.
Ma, dea beata, dai molti nomi,
di tutto sovrana,
vieni benevola rallegrandoti nel bel volto.

da Inni Orfici, ed. Lorenzo Valla trad. Gabriella Ricciarel

Inno orfico alla Luna

Ascolta, dea regina,
portatrice di luce,
Luna divina,
Mene dalle corna di toro,
che corri di notte,
ti aggiri nell’aria,
notturna, portatrice di fiaccole, fanciulla,
Mene dai begli astri,
crescente e calante, femmina e maschio,
splendente, ami i cavalli, madre del tempo, portatrice di frutti,
luminosa, triste, che rischiari,
ti accendi di notte,
che tutto vedi, ami la veglia, ti circondi di begli astri,
godi della tranquillità e della notte felice,
Lampetie, dispensatrice di grazia,
porti a compimento,
ornamento della notte,
guida degli astri, dall’ampio manto,
dal moto circolare, fanciulla sapientissima,
vieni, beata, benevola,
dai begli astri, del tuo splendore
rifulgente, salvando i tuoi nuovi supplici, fanciulla.

da Inni Orfici, ed. Lorenzo Valla trad. Gabriella Ricciardelli

Inno orfico a Zeus

Zeus molto onorato, grande Zeus indistruttibile,
a te noi offriamo
questa testimonianza liberatrice e questa preghiera.
O re, attraverso il tuo capo
apparvero queste cose divine,
la dea madre terra e le erte cime dei monti
e il mare e tutto quanto il cielo dentro racchiude.
Zeus Cronio, con lo scettro, Kataibates, dall’animo forte,
di tutto generatore, principio di tutto e di tutto fine,
che scuoti la terra, che accresci, che purifichi, che tutto scuoti,
Lampeggiante, Tonante, Folgoratore,
Zeus che fai germogliare;
dalle forme svariate, ascoltami, concedi salute perfetta
e la dea Pace e fama irreprensibile di ricchezza.

da Inni Orfici, ed. Lorenzo Valla trad. Gabriella Ricciardelli

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>