La preghiera di Scipione

di Malvi Commenta

Scopriamo di seguito la preghiera di Scipione l’Africano che il condottiero romano, pronto a salpare per l’Africa, per lo scontro decisivo con Annibale, recitò a gran voce:


O Dei e Dee,
che i mari e le terre abitate,
vi prego e scongiuro, deh,
quello, che sotto il mio imperio si è compiuto,
si compie e si compirà, quello per me,
per il popolo e per la plebe romana,
per i socii e per la nazione latina
e per quelli che in terra, in mare e sui fiumi
seguono il mio esempio,
i miei ordini e i miei auspici,
abbia buon esito;
e tutto quello voi bene aiutate,
con buoni incrementi accrescete;
e salvi ed incolumi, vincitori,
dopo avere vinto i nemici, adorni di spoglie,
carichi di preda e trionfanti meco reduci riportate in patria;
concedeteci di punire gli avversari ed i nemici;
e quello, che il popolo cartaginese
ha cercato di fare contro la nostra città,
date a me ed al popolo romano
la facoltà di fare contro la città cartaginese,
così da dare un esempio.

Ti potrebbero interessare anche i seguenti post:

Il Banshee, l’annunciatrice di morte

Honjo Masamune: tra storia e leggenda, la scomparsa della spada perfetta

Preghiera pagana per i morti delle tragedie di Puglia e Nizza

Le vere origini del giorno di San Valentino sono pagane

La Dea Armonia: mitologia greco-romana

Leggenda metropolitana: il bambolotto che fa impazzire

Inni orfici di origine greco-romana e celtica

Titanic, tante analogie con il romanzo di Robertson del 1898 e misteri senza soluzione

Photo | Pixabay

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>