Magia bianca per togliere le negatività

di Malvi Commenta

Pochi giorni fa vi abbiamo parlato di come procedere per sapere se siate stati o meno colpiti dal malocchio; oggi invece vi illustriamo le proprietà della magia bianca ovvero di quella parte di magia “buona” che aiuta a togliere malocchi, fatture e più in generale qualsiasi maleficio.

La magia bianca è considerata la magia buona per eccellenza da contrapporre invece alla magia nera altrimenti detta demoniaca che ha lo scopo di creare danni alle persone. Attraverso la magia bianca, insomma, si cerca di porre rimedio a tutto ciò che di negativo viene causato dai riti della magia nera.

La magia bianca è efficace per togliere le negatività: dalla casa e dalla famiglia, oppure per togliere da una persona fisica il malocchio. I riti della magia bianca aiutano a respingere i nemici e aiutano a proteggersi dagli influssi negativi che arrivano da coloro che ci vogliono male e che ci augurano solo cose negative. Ci sono alcuni riti appositi da poter esercitare anche nell’ambiente in cui viviamo per creare una sorta di pellicola che possa proteggere perennemente dagli influssi esterni.

La magia bianca è efficace anche in amore per allontanare le pene d’amore e per prevenirle. E ancora, la magia bianca può essere utilizzata per allontanare due persone quando il rapporto va a nuocere ad uno che già esisteva in precedenza. Ma i rituali della magia bianca possono essere utili anche contro la sfortuna. Ci sono alcuni riti di magia bianca che hanno la capacità di favorire le vincite oppure di attirare denaro e favorire gli affari.

Anche chi cerca benessere e serenità può ricorrere alla magia bianca: allontana le amicizie sbagliate e tutela i figli, proteggendo l’armonia familiare. Insomma la magia bianca è utile per mille motivi ed è cosa buona  farvi ricorso quando se ne riscontra il bisogno.

Foto | Thinkstock

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>