Maledizione per portare l’uomo a sposare una donna

di Anna Fraddosio Commenta

Oggi vedremo una ricetta magica abbastanza inusuale, una ricetta che ha lo scopo di costringere la persona che amate a portarvi all’altare. Il rituale porta l’amato ed essere ossessionato da voi, quindi fate attenzione. Inoltre la ricetta è di stampo vecchio stile, verranno utilizzati animali, quindi per chi è contro queste determinate tipo di magie può evitare di proseguire nella lettura, per tutti gli altri audaci qui sotto troverete tutto ciò che vi occorre e come si esegue.

Cio che vi occorre

Un rospo nero
Nastro rosso
Nastro nero
Testimone (capelli, unghie, pezzo di vestito)
Vasetto di vetro colmo di terra con tappo

Come procedere

La ricetta non ha nulla di difficile, se non per il fatto del rospo nero da cercare e sopratutto da prendere. Se la fortuna è dalla vostra, una volta catturato il rospo nero vivo, dovrete far aderire alla pancia del rospetto l’oggetto personale della persona che si vuole portare presto all’altare, e legarlo con i due nastri quello nero e quello rosso. Dovrete poi collocarlo in un vaso di terra, recitando quanto segue:

“Tale (si dice il nome) se amerai un’altra donna, o le dedicherai i tuoi pensieri, il diavolo, a cui ho affidato la mia sorte, ti inchioderà nel mondo delle afflizioni e quanto soffrirà imprigionato questo rospo tu altrettanto soffrirai fin quando non deciderai di accasarti con me.”

Chiudete bene il vasetto con il rospo al suo interno, ma badate giornalmente di prendervi cura di esso, rinfrescando il suo corpo con acqua bel limpida, indispensabile per la sua vita.
Quando sarà arrivato il tanto atteso e desiderato giorno delle nozze, il rospo andrà messo in libertà; lasciandolo in una pozzanghera, ringraziandolo e non maltrattandolo, altrimenti il matrimonio avverrebbe ma tra gli sposi non regnerebbe la pace e la loro convivenza sarebbe insopportabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>