Preghiera a Marte

di Malvi Commenta

Secondo la religione romana del I secolo a.C., Marte è il dio della guerra, dei duelli e degli spargimenti di sangue, l’equivalente della divinità greca Ares. Secondo la mitologia romana più arcaica Marte è considerato anche il dio del tuono, della pioggia e della fertilità. A lui sono state dedicate numerose preghiere, eccone una di seguito.

Preghiera a Marte

Mars pater, divi quorum est potestas nostrorum hostiumque,
dique, vos precor, veneror, veniam peto feroque,
uti populo Romano vim victoriam prosperetis
hostesque populi Romani terrore formidine morteque adficiatis.
Sicut verbis nuncupavi, ita pro re publica populi Romani, exercitu
legionibus, auxiliis populi Romani,
hostium mecum deis Tellurique devoveo. –
– Padre Marte, dei tutti che avete potere su di noi e sui nemici,
e voi, dei, vi prego, vi adoro, chiedo la grazia e la ottengo,
che concediate al popolo romano la forza e la vittoria,
e che gettiate paura, terrore e morte sui nemici del popolo romano.
Come ho solennemente proclamato, così offro in voto agli dei
e alla Terra, insieme a me stesso, le truppe regolari e ausiliarie dei nemici,
in favore della comunità del popolo romano, del suo esercito,
delle truppe regolari e ausiliarie del popolo romano.

Ti potrebbe interessare anche i seguenti post:

Alieni su Marte, ci sono le prove

Vita nel sottosuolo di Marte: News dalla Nasa

Le Erbe influenzate da Marte – prima parte

Le Erbe influenzate da Marte -seconda parte

Cydonia – le piramidi di Marte

Le invocazioni più celebri alle divinità

Druidismo, quali sono le principali divinità

Exu, la divinità del crocevia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>