Preghiera dell’Equinozio d’Autunno

di Malvi Commenta

Manca pochissimo all’inizio della stagione autunnale e tra qualche settimana saluteremo l’estate per accogliere l’autunno: da sempre il cambio delle stagioni è stato scandito e caratterizzato da preghiere, utilizzate come strumento per dare il bene arrivato al nuovo tempo. E allora vediamo il testo della preghiera dell’Equinozio d’autunno, recitata proprio per accogliere la nuova stagione e i tanti frutti della Terra che offre.

autunno

Tenete sempre presente che l’equinozio d’autunno, come quello primaverile e i due solstizi, avvengono in un istante ben preciso, quello in cui astronomicamente inizia la stagione successiva. Ecco il testo della preghiera valida per accogliere la nuova stagione.

EQUINOZIO AUTUNNALE O MABON: PREPARAZIONE

Preghiera dell’Equinozio d’Autunno

Signore, non sono necessarie
le penne degli angeli
e i languidi cori celesti:
ci bastano le penne del passero
e il canto stridulo del merlo
tra le foglie del platano.

Strade d’autunno fasciate di nebbia
e case che s’accendono
e fanno lume nella notte.
Signore, non c’è bisogno
di grandi stelle comete:
bastano queste luci
e queste case,
se vieni a cenare con noi
(e, se vieni,ti prego,
non entrare a porte chiuse:
è così dolce
la chiave che canta nella toppa,
quando si attende l’amato!).

Io non attendo altre strade,
io non ti chiedo altre case
o altre sere
o altri mondi;
ma questo,
questo dolcissimo mondo
abitato da te.

E ceneremo insieme,
nelle sere d’inverno;
e correremo insieme, a primavera,
e sosteremo insieme, nell’estate,
sotto l’ombra dei frassini;
e l’usignolo canterà l’amore.
E noi saremo un nodo inestricabile
come l’edera e il tronco,come la vite e l’uva

Foto | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>