Preghiera di Saffo a Venere

di Malvi Commenta

Ecco la preghiera di Saffo a Venere, una delle più amate dee roman spesso associate all’amore, alla bellezza e alla fertilità. Seguite attentamente questo testo, una sorta di ode a Venere.

Preghiera di Saffo a Venere: testo

Venere dal trono dipinto,
Venere immortale, figlia di Giove,
tessitrice di inganni, ti prego,
non domare con pene e con ansie d’amore,
o Regina del mio cuore.

E qui vieni. Altra volta venisti;
pur di lontano udisti la mia voce,
e del padre lasciasti la reggia
sull’aureo cocchio aggiogato.

Te conducevano leggiadri passeri snelli
sopra la nera terra
fitte agiando dal cielo giù la ali
per gli eterei spazi.

Rapidamente giunsero. E tu, o Beata
sorridendo dal tuo volto immortale,
mi chiedevi che pena ancora pativo,
che cosa ancora invocavo,

e chi nel mio cuore in delirio
follemente desideravo. “Chi cerchi
che ancora Pieto riporti il tuo amore?
Chi ti fa male, o Saffo?

Oh ma se ora ti fugge, presto ti inseguirà,
se doni rifiuta doni farà,
se già non ti ama, presto ti amerà,
anche contro la sua voglia.

Vieni a me anche ora: da così triste
pena di amore mi sciogli; quando
brama il mio cuore si compia, tu compi;
tu stessa mi assisti”.

Ti potrebbe interessare anche:

Preghiera per i laici

Preghiera per i laici (seconda parte)

Preghiera per la mia felicità

Preghiera contro la stanchezza

Preghiera a Venere

Ode a Venere

Lucrezio, invocazione a Venere

Preghiera per il nuovo anno

Preghiera a Giunone

La preghiera di Scipione

Preghiera di San Francesco

Photo | Pixabay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>