Rituale: l’anima gemella

di Anna Fraddosio Commenta

Molte volte abbiamo parlato di anima gemella, di quella persona che rispecchierebbe tutto ciò che siamo, che potrebbe completarci in tutto e per tutto, purtroppo alle volte, però, ci fissiamo con persone poco adatte a noi, soffermandoci di più sull’aspetto esteriore che su quello interiore, perdendo cosi l’unica persona che avrebbe potuto completare la nostra anima. Ebbene si perché la vera anima gemella non è quella che soddisfa i nostri gusti fisici, ma piuttosto è quella persona che anche se non bella esteriormente ci prende a livello mentale, creando cosi una connessione e una affinità quasi magica.

Quindi sarebbe utile andare oltre quello che ci piace di una persona a livello fisico, ma guardare il carattere, guardare negli occhi la persone che non vi piace ma vi stimola mentalmente, invece di incaponirci con una persona bella ma che a livello caratteriale non fa per noi, o peggio ci tratta male e non ci comprende. Oggi cosi vedremo un piccolo rituale per richiamare l’anima gemella, l’uomo che fa per noi, la parte mancante, facendoci aiutare dai quattro elementi.

Occorrente
Altare
3 candele bianche
Piattino
Sale
Una coppa colma d’acqua (o bicchiere)
Incenso alla rosa (o alla viola, alla salvia, al rosmarino, o alla verbena)
Fiori secchi di gelsomino

Procedimento
In giorno di Luna Piena o Crescente, sistemate al centro del vostro altare in fila davanti a voi le tre candele bianche, alla sinistra ponete il piattino con un pugno di sale e la vostra coppa colma d’acqua fresca e pulita. Accendete l’incenso che andrete a bruciare insieme ai fiori secchi di gelsomino e fumigate lo spazio sacro. Aprite il cerchio, cosicché la vostra energia venga contenuta senza disperdersi e proteggendovi da influenze esterne.
Ora accendete le candele partendo da sinistra, prendete in mano il piattino con il sale e volgetevi verso Nord dicendo:

“Madre Terra, io ti offro questo sale.
Aiutami a trovare la mia metà perduta.”

Ripetete questa formula fin quando non sarete convinti che gli spiriti della terra vi hanno dato ascolto, dopodiché posate il piattino con il sale, prendente il bastoncino di incenso e volgetevi verso Est dicendo:

“Cielo io ti offro questo profumo.
Aiutami a trovare la mia metà perduta.”

Posate il bastoncino di incenso e volgetevi a Sud prendendo la candela centrale delle tre che avete davanti, dicendo:

“Sole io ti offro questo fuoco.
Aiutami a trovare la mia metà perduta.”

Posate ora la candela, prendete la coppa d’acqua e volgetevi ad Ovest dicendo:

“Luna io ti offro quest’acqua.
Aiutami a trovare la mia metà perduta.”

Posate anche la coppa d’acqua, mettetevi al centro del cerchio e levate le braccia al cielo e dite:

“ Guidatelo a me, mostrategli la strada.
Guidatelo a me, e saremo uniti.
Guidatelo a me, e saremo due corpi ed una sola anima.”

Abbassate le braccia, restate per un’oretta in meditazione, captando qualunque risposta che gli elementi vi danno, e fate consumare le tre candele fino alla fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>